Anna Maria Onelli

Pedagogista Consulenza & Formazione

 “Il re è nudo” ma nessuno lo dice

 

15 luglio 2022

Hans Christian Andersen scrivendo la fiaba ‘I vestiti nuovi dell’imperatore’, fece gridare a un bambino questa frase rimasta famosa: il re è nudo! Nella storia si racconta che due truffatori, dichiaratisi abilissimi tessitori, ingannarono il re dicendo che erano in grado di tessere un tessuto meraviglioso, che possedeva la magia di risultare invisibile sia agli uomini, che non erano all’altezza del loro ruolo, sia agli uomini stupidi. Durante una sfilata, nessuno osava dire di non vedere quel meraviglioso abito indossato dal re, per paura di passare per stupido. Ma – beata innocenza – mentre tutti gridavano “L’abito del re è una meraviglia, come gli sta bene!” un bambino che assisteva al corteo gridò la verità. Il re non indossava nessun abito, era nudo! Anche Conte e i grillini sono stati astuti tessitori perché con il loro rifiuto di votare in Parlamento la realizzazione del “termovalorizzatore” iscritto nel Decreto Aiuti, di fatto hanno mirato ( certo nel momento più sbagliato per il Paese) a recuperare la loro identità e i consensi persi, non tanto a causa di Draghi, quanto  all’alleanza con il PD. Il PD che governa da dieci anni senza mai essere stato votato dagli Italiani, era in crisi e fu grazie all’alleanza con Conte che riprese il potere. Poi, riprendendo quota, aveva ritenuto di poter assoggettare i grillini.  Conte si è dichiaratamente staccato da tale assoggettamento. Probabilmente Letta non  lo ha capito se continua a dire “non faremo alleanze con Conte”. Il PD ora è nudo e senza i 5 Stelle, rimarrà con le sue due priorità: la liberalizzazione della droga e il diritto di cittadinanza camuffato dietro lo “ius scholae”. Troppo poco come progetto politico da offrire agli Italiani. Letta  cercherà disperatamente nuova linfa in nuove alleanze ma, volendo fare il premier, difficilmente le troverà in altri aspiranti a premier come Calenda, Di Maio, Renzi. Ciò che unisce costoro a Letta è una parola: tutti si auto dichiarano “progressisti”  Purtroppo anche la politica fugge dalla realtà: il re è nudo, ma nessuno lo dice. 

Anna Maria Onelli

Pedagogista Consulenza & Formazione